Cosa trovi nel sito

Gestione delle scorte nel fast fashion: con l’Rfid aumentano le vendite. Parola di Macy’s

Tratto da Thebizloft

20 dei primi 30 retailer statunitensi utilizzano già la tecnologia Rfid per la gestione delle scorte: lo ha fatto notare Bill Hardgrave (decano del College of Business della Auburn University) durante lo scorso National Retail Federation’s Big Show. Tra questi spicca Macy’s: proprio durante il Big Show, Pam Sweeney (vice presidente logistica della famosa catena di Gdo statunitense) ha spiegato come la sua azienda stia registrando più vendite nelle categorie di prodotti in cui la gestione delle scorte avviene con l’identificazione a radiofrequenza.

Gestire le scorte con l'Rfid facilita il lavoro anche nel più grande store al mondo Il manager ha ribadito il valore senza precedenti che questa tecnologia rappresenta per incrementare l’accuratezza dell’inventario, migliorare l’esperienza del cliente e aumentare l’efficienza operativa. Certo è Macy’s, modello distributivo da 850mila punti vendita. Dai grandi, però, c’è sempre da imparare.
L’Rfid come una commodity del retail

Leggi tutto: Gestione delle scorte nel fast fashion: con l’Rfid aumentano le vendite. Parola di Macy’s

Un negozio di calzature con l’Rfid, dall’inventario al servizio clienti. In Olanda Wolky usa i tag dalla produzione al punto vendita

tratto da http://thebizloft.com/negozio-di-calzature-rfid-wolky-smart-service/ 22/01/2014

Un negozio di calzature, anzi una catena o meglio di più: un’intera filiera che ha capito e che ha scelto una tracciabilità Rfid incentrata sul modello della Internet of Things.  Le scarpe diventano comunicanti grazie alle etichette con il tag, parlando ai commessi e ai clienti. A trasformare la logistica in una rosa di smart services è Wolky, calzaturificio olandese noto a livello internazionale (solo gli outlet sono 2000).
Per chi si occupa di fashion la gestione di un negozio di calzature è tra le attività più complicate e sfidanti: la varietà dei prodotti, infatti, è soggetta a una rotazione stagionale delle collezioni che raramente prevede modelli continuativi. La logistica è duque fondamentale a partire da un altro aspetto non banale: il packaging. Le scarpe movimentate o a magazzino sono sempre contenute in scatole uguali a se stesse e anche per i commessi di grande esperienza riconoscere i vari prodotti è difficile, in quanto identificabili soltanto leggendo bene le etichette esterne o, meglio ancora, aprendo le confezioni. Per questo Wolky ha deciso di cambiare.

Leggi tutto: Un negozio di calzature con l’Rfid, dall’inventario al servizio clienti. In Olanda Wolky usa i...

Negozio del futuro, Boxeur des Rues scommette su RFID e Magic Mirror

Tratto da http://www.wireless4innovation.it

 

Il nuovo Flagship Store di Milano del marchio di abbigliamento streetwear si propone come ‘concept store 2.0’ integrando diverse tecnologie innovative Quali tecnologie troveremo nei negozi del futuro? Un’idea concreta ce la si può fare già oggi con il nuovo Flagship Store del marchio di abbigliamento casual “Boxeur des Rues” di via Torino a Milano: uno spazio di 300 metri quadrati su due piani, concepito per assicurare shopping experience inedite grazie a tecnologie innovative come RFID, Led Wall, magic mirror, sensori e social network. Un mix che porta la maison francese a parlare di “concept store 2.0”. Più in dettaglio, le tecnologie RFID vengono usate nel nuovo store per accelerare la gestione del magazzino (9500 capi vengono inventariati in 65 minuti), ottimizzare il visual merchandising, fare cross selling, evidenziare modelli in esaurimento, e scoraggiare il taccheggio.

Leggi tutto: Negozio del futuro, Boxeur des Rues scommette su RFID e Magic Mirror

Telegestione e telelettura dei dispositivi di misurazione del gas

Guarda l'intervista

Intervista a Francesco Castorina, direttore tecnico del Comitato Italiano Gas (CIG) che ci parla delle norme UNI sui dispositivi di misurazione del gas su base oraria -anche noti come "Smart meter gas"- che introducono una vera e propria innovazione tecnologica che coinvolgerà circa 22 milioni di famiglie italiane.

L’UNI ha recentemente pubblicato ben dieci parti della serie UNI/TS 11291, la specifica tecnica dedicata ai “Sistemi di misurazione del gas - Dispositivi di misurazione del gas su base oraria”, anche conosciuti come “Smart meter gas”. Essi introducono una vera e propria innovazione tecnologica che coinvolgerà circa 22 milioni di famiglie italiane. Si tratta di “contatori intelligenti” che hanno  innanzitutto funzioni di  telelettura, ovvero offrono la  possibilità agli aventi diritto di leggere da remoto i valori, così da avere una lettura corretta già all'origine.
E’ un impegno che, a livello normativo, non ha precedenti  e che ha richiesto il coinvolgimento di diversi attori del settore informatico, telefonico, ecc“, dichiara Francesco Castorina, direttore tecnico del CIG (Comitato italiano Gas), Ente federato UNI.

Leggi tutto: Telegestione e telelettura dei dispositivi di misurazione del gas

Contabilizzazione del Calore: presto le modifiche alla UNI 10200

A seguito della pubblicazione della UNI 10200 (14 febbraio 2013), norma sulla ripartizione delle spese di climatizzazione invernale e di acqua calda sanitaria, il CTI ha indetto una riunione preliminare del GL 803 Contabilizzazione del calore, per approfondire le criticità emerse dall’applicazione della norma.

In tal senso i corsi di formazione CTI, basati proprio sulla UNI 10200, hanno dato modo di raccogliere le difficoltà applicative riscontate dagli esperti del settore.

Questo lavoro, attualmente in atto, porterà all’elaborazione di un documento – che dovrà necessariamente essere approvato dal GL 803 – che modificherà l'attuale testo della UNI 10200 col fine di risolvere le incongruenze rilevate. Ai fini di una maggiore diffusione della norma su tutto il territorio nazionale, il CTI sta inoltre valutando la possibilità di organizzare uno o più eventi pubblici in collaborazione con istituzioni e associazioni.

Leggi tutto: Contabilizzazione del Calore: presto le modifiche alla UNI 10200